1 pg api_home.php/ m 1430 mm Il potere terapeutico del ronzio delle api - Incontri con le Api - I 

Home Sonologia Il potere terapeutico del ronzio delle api Il potere terapeutico del ronzio delle api Il potere terapeutico del ronzio delle api

Slide 1

Sin dalla preistoria, dalle esperienze degli apicoltori, e dagli ultimi studi scientifici sappiamo che le api, come del resto tutti gli animali, producono suoni per comunicare. Alcuni si avvalgono di semplici segnali, altri hanno un linguaggio molto complesso e variegato, come gli uccelli canori o i cetacei. Anche le api con il loro differenti ronzii, comunicano molte cose. Abbiamo il suono di una singola ape, mentre vola per raccogliere il nettare, oppure i suoni che emette durante la danza per comunicare alle sorelle la distanza dove si trovano i fiori. Famoso e suggestivo è il canto della regina, differente secondo lo stato in cui si trova. Abbiamo il canto della regina vergine che annunzia il secondo sciame, chiamato per questo “sciame canoro”. Poi il canto della regina ancora chiusa nella cella, che rispondono alla sorella già sfarfallata, un canto dal suono reso opaco dalle pareti della cella che non permettono la vibrazione libera delle ali che producono il suono. Quindi vi è il suono emesso dalle regine feconde che si preparano alla sciamatura. Ma il suono più potente è indubbiamente il ronzio dell’intero sciame, composto da ben 10.000 – 20.000 api nel periodo invernale sino a 90.000 durante l’estate, che si manifesta come un unico organismo, lanciando segnali creati e indirizzati allo sciame stesso e per eventuali aggressori esterni. Oltre al ronzio emesso da un alveare normale, vi sono ronzii di anormalità secondo se si tratta di orfanità, di fame, diarrea, presenza di nemici (topi). Il più noto ronzio di anormalità è quello dell’orfanità, ovvero quando si toglie la regina. Poi vi è il ronzio che gli sciami emettono quando hanno scoperto la nuova dimora, quando poi la regina è entrata nell’arnia, il ronzio si fa più festoso. (1) Piacevole è il tenue ronzio notturno ben contrastante con il rumore prodotto per una situazione di allarme, e ancor più inquietante e il potente suono quando sciamano. Questi ultimi suoni, quello notturno e soprattutto quelli di allarme, sono potenti suoni archetipi, fanno parte della psicobiologia sonica dell’essere umano e non solo. (2) Qualsiasi mammifero sentendo il potente ronzio di uno sciame in cerca di casa si pone all’erta, rizzando la testa e guardando subito da dove giunge il suono, per non incappare in migliaia di pungiglioni. Questa sonorità continua è cosi notevole nel produrre allerta e apprensione che viene ricreata con violini o apparecchiature elettroniche e impiegata comunemente nei film, soprattutto come suspense, ma anche come suono fortemente aggressivo quando si utilizza la chitarra con il famoso distorsore, ovvero un effetto elettronico che produce un super mega ronzio che caratterizza la musica rock più assordante! Qualcosa che decisamente sveglia! Mentre la sonorità di un alveare di notte, al contrario, infonde pace, tranquillità e induce al sonno. Questa è la sonorità terapeutica di cui parlano gli insegnamenti delle api dell'antico Egitto e le pratiche sonore associate a questi insegnamenti. In questa antica tradizione, si diceva che il suono ronzante dell'ape stimolasse il rilascio di super ormoni noti come "Elisir di Metamorfosi". Questo suono risuona anche nelle camere ventricolari nel centro del cervello, che sono piene di liquido cerebrospinale. Il liquido cerebrospinale (CSF) è un fluido corporeo trasparente e incolore che si trova nel cervello e nella colonna vertebrale. Prodotto nei ventricoli del cervello, funge da cuscinetto per la corteccia cerebrale, fornendo una protezione meccanica e immunologica di base al cervello all'interno del cranio. Il CSF circola anche sostanze nutritive e filtra le sostanze chimiche dal sangue, rimuove i prodotti di scarto dal cervello e trasporta gli ormoni in altre aree del cervello. (Molte tradizioni spirituali diverse credono anche che questo fluido sia sacro ed è il condotto per l'energia vitale che viaggia su e giù per la spina dorsale e nel cervello). I suoni ronzanti dell'ape risuonano e stimolano varie strutture del cervello, tra cui la ghiandola pineale, la ghiandola pituitaria, l'ipotalamo e l'amigdala. (3) Queste antichissime conoscenze le troviamo tuttora impiegate nello yoga con la meditazione Bhramari Pranayama, ovvero la respirazione dell’ape. Bhramari in lingua sanscrita significa “ape”, e questa tecnica di pranayama si chiama così proprio perché durante la sua esecuzione viene prodotto un suono molto simile al ronzio di un’ape. (4) Ronzio che ora molti accomunano al rumore rosa, (5) capace di rilassare totalmente, porre in pausa, favorire il sonno, tranquillizzare come un felice sereno alveare notturno. 1) “Nel Mondo delle api” di Karl von Frisch, http://www.apicoltoremoderno.it/ronzio-delle-api/ 2) “Psicobiologia della musica” (Patron, Bologna, 1980) di Giuseppe Porzionato Psicosonica parte della psicologia che studia gli effetti psicologici della stimolazione acustica = le modificazioni comportamentali di tipo emotivo e cognitivo che il suono, il rumore e la musica provocano negli organismi viventi 3) Meredith McCord e Jill Schumacher nel libro “The Humming Effect: Sound Healing for Health and Happiness” di Jonathan Goldman e Andi Goldman Paperback – 2017 https://www.amazon.com/Humming-Effect-Healing-Health-Happiness/dp/1620554844 4) https://yoganride.com/bhramari-pranayama-respirazione-ape/
potere-terapeutico-1.jpg

5) In fisica si definisce rumore rosa, Pink Noise o rumore 1/f o rumore flicker un particolare tipo di rumore il cui spettro di frequenze le troviamo in natura nello scorrere dell’acqua, del vento che soffia tra le foglie e appunto nel ronzio delle api
potere-terapeutico-2.jpg

- Jurgen Tauz, H. R. Heilmann “Il ronzio delle Api” Ed.Springer - L’Apisound - Casettine in legno con inserite delle arnie in cui ci si può rilassare ascoltando il ronzio delle api. Il primo apiario integrato d’Italia di Andrea Dal Zotto si trova a San Luca, tra le colline marosticensi. Apiari Integrati® in Italia - Associazione italiana di apiterapia a Mazzano Romano

Il potere terapeutico del ronzio delle api

Abstract:

Sin dalla preistoria, dalle esperienze degli apicoltori, e dagli ultimi studi scientifici sappiamo che le api, come del resto tutti gli animali, producono suoni per comunicare. Alcuni si avvalgono di semplici segnali, altri hanno un linguaggio molto complesso e variegato, come gli uccelli canori o i cetacei. Anche le api con il loro differenti ronzii, comunicano molte cose. Abbiamo il suono di una singola ape, mentre vola per raccogliere il nettare, oppure i suoni che emette durante la danza per comunicare alle sorelle la distanza dove si trovano i fiori. Famoso e suggestivo è il canto della regina, differente secondo lo stato in cui si trova.

Project information

  • Title: Il potere terapeutico del ronzio delle api
  • Revision: 1
  • Source:
  • Source Url:
  • Author:
  • Photo:
  • Posted by: enzo
  • Posted on: 2021-05-09 10:09:40
  • Modified by:
  • Modified on: 2021-05-09 10:09:40
  • Internal Code: potere-terapeutico-ronzio



2 pg home/potere-terapeutico-ronzio m 1430 mm